Come Coltivare l'Orchidea

concimare orchidea L'orchidea è un fiore bellissimo, ma essendo alquanto delicato, non si sa mai come coltivarlo e prendersene cura affinché duri a lungo. Il luogo migliore per coltivare l'orchidea è senza ombra di dubbio la serra con un clima caldo umido, tuttavia è possibile coltivare le orchidee anche in casa, grazie anche alle diverse varietà in commercio. Vediamo,dunque, in questo articolo come coltivare un'orchidea attraverso delle semplici regole e una buona dose di accortezza.

Come abbiamo già detto esistono diverse varietà di orchidea che sono più adatte alla coltivazione in casa, una di queste è la Phalaenopsis, questo tipo di orchidea necessità di una posizione fissa all'interno della casa, al contrario delle altre varietà che richiedono un periodo in un luogo fresco e preferibilmente all'aperto.

Un'altra varietà, meno semplice da coltivare rispetto alla prima, è la Cymbidium. Questa varietà risulta essere un po’ più delicata in quanto necessita di una certa esposizione alla luce, allo stesso tempo richiede un ambiente umido ma lontano da eventuali correnti d'aria. Per garantire una certa umidità alla pianta è possibile porre sotto la pianta un po’ di ghiaia, da mantenere sempre umida, facendo però attenzione a non lasciare le radici a contatto con l'acqua in quanto potrebbero danneggiarla.

Un altro passaggio importante per far crescere al meglio la vostra orchidea è una buona concimazione e un periodico rinvaso della pianta. Come concimare l'orchidea?
Concimare l'orchidea è molto semplice basta diluire dell'acqua con lo specifico concime per orchidee una volta al mese (dal mese di Settembre al mese di Febbraio). Innaffiare la pianta è anche molto semplice, basterà vaporizzare con l'apposito spruzzino la vostra pianta per due volte a settimana, la pianta quindi essendo particolarmente delicata non deve venire a contatto con l'acqua diretta.

Per quanto riguarda il terriccio, esso deve essere composto per 1/3 di torba bionda e 2/3 di fibre, cortecce e minerali. Il terriccio deve avere una consistenza porosa per assicurare il passaggio dell'acqua e una buona aerazione delle radici. Infine, un altro aspetto fondamentale per la cura della vostra orchidea, è il rinvaso, passaggio peraltro fondamentale per la sopravvivenza della stessa, esso, infatti, deve essere effettuato almeno ogni 2 anni e preferibilmente nella stagione primaverile. In questo modo la vostra orchidea sarà più bella e splendida che mai, sarà necessario solamente averne molta cura e i risultati in questo modo saranno eccellenti.

0 commenti:

Posta un commento