Come Misurare la Pressione

come misurare pressione a casa Misurare la pressione comodamente a casa propria è possibile, in questo articolo cercheremo di spiegarvi come fare a misurare la pressione arteriosa in maniera autonoma, senza dover ricorrere necessariamente all'aiuto di uno specialista.

Iniziamo col dire che prima di procedere con la misurazione della pressione è importante seguire alcuni piccoli accorgimenti che riportiamo di seguito.
Per prima cosa è sconsigliato indossare indumenti o anche accessori che intralciano il braccio, quindi tenerlo libero; almeno un paio di minuti prima di misurare la pressione è consigliabile rilassarsi e non pensare a nulla, questo per evitare che la misurazione della pressione risulti poi alterata producendo quindi valori che non corrispondono alla realtà.
Sedersi e mettersi comodi tenendo il braccio, su un piano, ben appoggiato; prima di procedere evitate di stare in ambienti troppo caldi o al contrario dove ci sono temperature molto basse, questo contribuirà a far sballare i valori della pressione.
Prima di misurare la pressione assicuratevi di non aver ingerito cibi, almeno un ora prima della misurazione, è altresì sconsigliato prima di tale operazione fumare, svolgere attività fisica, assumere alcolici o bevande eccitanti che contengono caffeina, fare il bagno o la doccia.

Quando iniziate a misurare la pressione evitate di parlare e restate dunque fermi, il più possibile, non fate  movimenti bruschi.
Dopo aver accertato che sussistono le condizioni per poter misurare la pressione, iniziamo col posizionare il braccio all'altezza del cuore, solitamente viene utilizzato il braccio sinistro.

Con quale strumento si misura la pressione? Per misurare la pressione lo strumento più utilizzato ma anche quello più affidabile è lo sfigmomanometro, un dispositivo che si compone da un bracciale di gomma che è collegato da una parte a una colonna di mercurio e dall'altra è collegato a una piccola pompa a mano. 

Vediamo ora nel dettaglio come fare a misurare la pressione arteriosa con lo sfigmomanometro. Assicurarsi che il manicotto che avvolge il braccio sia compatibile con le dimensioni di quest’ultimo, questo perché sia che risulti troppo grande o al contrario troppo piccolo tende a non far risultare veritieri i valori della pressione.
Fissate a questo punto il manicotto dello sfigmomanometro, ricordando di non stringerlo troppo, tenete il bordo di quest’ultimo sopra la piega del gomito almeno un paio di centimetri.
Inserite il ricevitore dello stetoscopio sotto il manicotto, quindi nella parte interna del braccio, sopra di 3 centimetri circa la piega anteriore del gomito.
Inserite all'interno delle orecchie lo strumento che vi permette di ascoltare i rumori provenienti dal passaggio del sangue nell'arteria, chiudete la valvola della pompetta e iniziate a gonfiare il manicotto fino a che non sentirete più il rumore, mentre gonfiate il manicotto potrete notare che la colonnina di mercurio, che segnala il valore della pressione, tenderà a salire.

A questo punto non dovrete fare altro che far uscire pian piano l’aria, svitando leggermente la valvola della pompetta, per regolarvi, fermatevi non appena sentirete nell'auricolare una prima pulsazione; nel momento in cui avvertite questa pulsazione non dovrete fare altro che leggere sulla colonna di mercurio il valore che è quello che contraddistingue la pressione massima detta anche sistolica.

Sempre molto lentamente continuate a far fuoriuscire l’aria svitando sempre leggermente la valvola del manicotto, in questo caso inizialmente sentirete una frequenza accelerata delle pulsazioni e dopo poco comincerete a sentire un leggero affievolimento.
Leggete i valori sulla colonnetta di mercurio non appena riuscirete a sentire in modo del tutto chiaro l’ultimo battito, quella sarà il valore della pressione minima chiamata anche diastolica.

Si ricorda che, in un soggetto adulto, la pressione arteriosa che supera i 140/90 rappresenta un fattore di rischio. Se i valori sono troppo alti o troppo bassi e comunque in qualsiasi caso insoliti, è bene ripetere la misurazione della pressione dopo qualche minuto.

E’ importante far controllare l’apparecchio a persone competenti almeno una volta ogni due anni, questo per evitare di misurare la pressione in modo errato.

Avere la pressione troppo alta o troppo bassa non è un gioco, può causare seri danni per la salute, è bene, quindi, chiedere sempre consiglio al proprio medico di base o anche al vostro farmacista di fiducia che vi aiuteranno a risolvere tutti i vostri problemi.

0 commenti:

Posta un commento